Skip to content

UN GIORNO IN PRETURA SCARICA


    Il programma di Roberta Petrelluzzi che racconta i casi di cronaca giudiziaria più noti e discussi d'Italia attraverso i dibattimenti in tribunale. Clinica Santa Rita: Operazione avidita' - Un giorno in pretura del 09/11/ Un Giorno in El portava i scarp del tennis - Un giorno in pretura del 18/06/ Elenco dei contenuti della sezione Scorse stagioni del sito Un Giorno in Pretura. Soffriva però di una limitazione: non era compatibile con Rai Replay di rivedere quasi tutti i programmi degli ultimi 7 giorni trasmessi da Rai sempre scaricare ottimamente le puntate di Un giorno in pretura dal sito Rai. sapete per caso se è possibile vedere in streaming le vecchie puntate di "Un giorno in pretura" così come è possibile con quelle di "Blu notte"?.

    Nome: un giorno in pretura
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
    Dimensione del file:45.49 Megabytes

    E come dimenticarne la trama che sebbene celata da quella ironia tipica della commedia italiana nascondeva invece una morale più volte scandagliata nella storia della giustizia ovvero quella della integerrimità dei magistrati che spesso si trovano a scontrarsi con la vita vera che in taluni casi fa a pugni con la durezza del diritto. Si stringono il torace muscoloso in camicie avvitate alle quali aggiungono una giacca che sembra rubata ad un bambino.

    Chissà la madre di Lucio Dalla con quel vestito ogni giorno più corto come avrebbe potuto sentirsi chic in questa epoca slim. Superato lo straniamento estatico che questa sfilata indefinita suscita ci si concentra inevitabilmente sulla mestizia del luogo.

    Grigio, triste, uguale a se stesso, rumoroso ma senza entusiasmo, confusamente affollato, tremendamente solitario. Uomini e donne indistintamente, eleganti e non, corrono senza meta o forse con una meta definita ma incerta, muniti di carpette e borsa in pelle. Sono loro la macchina amministrativa di una giustizia che notoriamente non va, una giustizia che non ironizza mai, una giustizia lenta e spesso ingiusta, una giustizia che tuona dinanzi agli scandali e tace quando dovrebbe urlare la verità.

    Una giustizia talvolta asservita al potere giornalistico, preda di sciacallaggio e facili deduzioni.

    Tribunale Penale :: Ordine degli Avvocati di Perugia

    Ci mancava solo questa! Difficile sentir dire: In casa mia va tutto bene!

    Perchè in quasi tutte le famiglie chi pi chi meno, c sempre qualcosa che non fila per il verso giusto; ma, Compare impotente, comare avvenente Dio ce ne liberi del brutto vicinato, cos recita un vecchio proverbio siculo; a rendere questo veritiero vecchio detto in questo caso Grazia che, innamoratasi di Antonio, fa di tutto Donna pia, corna per la via Andare in chiesa pregare, contrariamente a chi crede o meno, pu essere un bene per lanimo in quanto arricchisce di fede, di amore, di segni di fratellanza Mentre andare in Era meglio quando si stava peggio La tecnologia è bella sapendola usare con giusti modi e maniere, e cercando di avere sempre come punto di riferimento la famiglia, altrimenti… scarica commedia: continua Esco dalla padella per cadere dentro la brace Nulla c pi brutto del bisogno, specie quando si fanno i conti coi centesimi per mandare avanti la famiglia; e spesso, per la difficolt a potere accedere alle banche, in Figli, figliastri e figli di puttana La dove non c giustizia sociale, regner sempre la causa dei brutti mali, tanto che Peppe, pur di fare apparire la famiglia elegante, riesce persino a denudare i morti.

    Scarica il Girala come vuoi non cambia niente Capita spesso a chi ha il vizio del gioco delle carte, di perdere quello che in tanti anni, magari con sacrifici, ha accumulato.

    Ma… quando deve giocarsi la moglie per Ma, tutto o quasi, a quei Ignoranza e malocchi partoriscono pidocchi Lignoranza il male pi grande delle malattie delluomo.

    Spesso si riesce persino a credere davere avuto fatto il malocchio, tanto che in quella famiglia ne succederanno di tutti i colori, Il marito conta e la comare canta Che tempi i nostri! Lo Russo è ben conosciuto nell'ambiente soprattutto per la sua durezza e per la rigidità nell'applicazione del codice penale, ma finisce, poco alla volta, per lasciarsi conquistare dalla dimensione umana dei casi a lui sottoposti.

    È in particolar modo nel giudicare l'ultimo caso, quello dell'imputata Luisa Ceccarelli, sua vecchia conoscenza, che il pretore decide di non infierire sulla povera donna non applicando il codice "alla lettera", ma giudicando con la propria coscienza. Arrivato a queste conclusioni dopo 20 anni di onorato e puntuale servizio, Lo Russo si "confessa" con il suo maestro: un busto in marmo di Marco Tullio Cicerone.

    Una "confessione" che rappresenta al contempo la voce morale della giustizia cosiddetta "minore", quella cioè chiamata a confrontarsi quotidianamente con le vicende umane più comuni e disparate.

    Episodi[ modifica modifica wikitesto ] Il ladro di gatti: un povero anziano viene citato in giudizio da un oste con l'accusa di aver mangiato un suo gatto e successivamente condannato; I coniugi Ponticelli: Alfio Ponticelli Paolo Carletti , un rigido commerciante di apparecchiature elettriche, è accusato dalla bella moglie Elena Baronti Tania Weber , di abbandono del tetto coniugale.

    L'uomo, ammettendo le colpe, chiede espressamente alla Corte di essere condannato, ma improvvisamente entra in aula la bella Anna Sophia Loren , una prostituta-ladra, che sostiene che il prete non è in realtà colpevole poiché tutto è avvenuto per causa sua.

    Chiarite le circostanze e nonostante le sue lodevoli intenzioni, don Michele viene condannato a 3 mesi di reclusione; Ferdinando "Nando" Mericoni, l'Americano: Ferdinando Mericoni Alberto Sordi , detto l'Americano per il suo abbigliamento, per la finta parlata yankee e per la sua smania di trasferirsi ner Kansas City, è un giovanotto di borgata accusato di oltraggio al pudore.

    Proprio affidandosi alla mania per il "Kansas City" dove, a suo dire, tutti possono fare il bagno nudi, Ferdinando fa il bagno nudo in una " marrana ", fingendosi Tarzan di fronte ad un pubblico di ragazzotti, i quali fuggono all'arrivo del solito vigile.

    Questi vede il solo Ferdinando in acqua e gli nasconde i vestiti ma, poco dopo, mentre l'ignaro Ferdinando continua la sua imitazione di Tarzan, viene chiamato da un collega che lo avvisa che la moglie ha partorito e quindi, dimentico di Ferdinando e dei suoi vestiti, se ne va via di corsa.

    Ferdinando, non ritrovando più i suoi vestiti, vaga nudo fino a che trova una villa dove cerca la possibilità di vestirsi, ma qui viene scoperto dal proprietario della villa e subito denunciato.